Il Centro di poesia di Bologna

 

i1

Il Centro è da ormai più di vent’anni un’istituzione per chiunque voglia confrontarsi con la poesia a Bologna. Quella che segue è la trascrizione di una telefonata con Emanuela Rizzuto, una collaboratrice.

Puoi farci una breve presentazione?

Il Centro di Poesia si collega all’Università di Bologna. Nel consiglio direttivo del Centro ci sono diversi professori della scuola di Lettere e Beni Culturali, ma è portato avanti soprattutto dagli studenti: lo stesso direttore del Centro è uno studente di Italianistica.

L’idea è quella di dare la possibilità agli studenti di confrontarsi con poeti in ambito nazionale e internazionale. Organizziamo tanti eventi e uno dei più centrali è il laboratorio di poesia.

In cosa consiste il laboratorio?

I ragazzi che vogliono partecipare possono leggere una o più delle loro poesie; poi insieme se ne parla e si scambiano considerazioni ma anche consigli, indispensabili per chi vuole scrivere poesie per un pubblico di lettori, ma anche raggiungere o comunicare al meglio con le proprie opere. Il laboratorio è organizzato da noi collaboratori, circa una decina, e siamo persone molto appassionate (alcuni di noi hanno anche pubblicato e collaborano per delle riviste). È utile ai ragazzi perché li aiuta a capire quale possa essere la propria voce e quali poeti possono confrontare in base alla propria scrittura.

È anche divulgazione…

Anche. Il Lab è più indicato per persone che vogliono cimentarsi con la scrittura, o comunque impratichirsi nella comunicazione leggendo e facendosi ascoltare. Poi organizziamo altri eventi, come ad esempio Oven che è a Giugno e magari serve ad avvicinare alla Poesia un pubblico più ampio. Altri eventi interessanti a riguardo sono i reading al buio e i trekking urbani, nei quali ripercorriamo dei luoghi di Bologna collegati a figure appartenenti alla città, come Dante o poeti ottocenteschi. Ci facciamo anche promotori di poeti, italiani  e stranieri, che invitiamo circa una volta al mese per degli incontri.

Dal punto di vista del centro, qual è il ruolo della poesia nel panorama italiano?

È marginale, indubbiamente. Insieme proviamo a capire prima di tutto i motivi di questa marginalità per poi cercare di intervenire. Abbiamo comunque una buona risposta da parte della gente e ci sono altre realtà in Italia con le quali ci teniamo costantemente in contatto e con cui facciamo fronte comune, come ad esempio il PENS in Puglia o il CPCC di Catania.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...